PacC – Poliambulatorio città di Collecchio

/PacC – Poliambulatorio città di Collecchio
PacC – Poliambulatorio città di Collecchio2018-10-24T11:13:02+00:00

Avis Provinciale Parma: un servizio in più ai donatori.

                                     

Attraverso la convenzione con il Poliambulatorio Città di Collecchio,

si da il via ad un percorso di collaborazione con cui Avis mette al centro il donatore e i suoi bisogni.  

AVIS PROVINCIALE PARMA ha presentato in conferenza stampa l’accordo stipulato con il Poliambulatorio Città di Collecchio, che offre ai propri donatori un servizio di diagnostica ed assistenza sanitaria in convenzione, ovvero agevolazioni che riguardano sia l’aspetto economico che quello della tempistica di erogazione delle prestazioni, in un ambiente di alta specializzazione ed ampia offerta.

AVIS Provinciale di Parma rafforza in questo modo l’attenzione rivolta ai propri associati mettendo ancora una volta al centro il donatore come individuo e le sue esigenze. Una collaborazione, quella avviata, che si pone l’obiettivo di offrire al cittadino-donatore, di scegliere un percorso sanitario agevolato per le sue esigenze sanitarie, sotto indicazioni del proprio medico curante.

Il presidente, Roberto Pasini, si è detto felice di inaugurare questo percorso di Avis provinciale – questo non è un punto di arrivo ma di partenza per far sentire il donatore importante e al centro del percorso della donazione di sangue. È il primo tassello di quello che spero diventi una fitta rete di rapporti e collaborazioni capace di portare beneficio ai donatori ma in particolare di favorire una sensibilizzazione e promuovere una mentalità, uno stile di vita ed una modalità di relazione interpersonale che ha lo scopo di prevenire la malattia ma anche di promuovere l’acquisizione del concetto di SALUTE come un bene primario e insostituibile da difendere e da potenziare, requisito indispensabile per chi vuole donare sangue. –

L’accordo, infatti, nasce nell’ottica di agevolare il donatore nel prestare attenzione alla propria salute. Si tratta di un’integrazione del servizio pubblico secondo un principio di sussidiarietà tra pubblico e privato. Presso il Poliambulatorio Città di Collecchio per i donatori Avis e per i loro familiari, sarà possibile accedere in modo agevolato a servizi di alta specializzazione in campo medico-ambulatoriale, grazie a una sezione di Radiologia e Diagnostica e a un laboratorio di analisi all’avanguardia, dalla prima visita lungo tutto il percorso di cura.

Il donatore è un soggetto che sta donando un elemento insostituibile per la collettività –  sottolinea il direttore sanitario Avis provinciale, Dr.Giancarlo Izzi, – provo grande soddisfazione nel veder riconosciuto un significativo valore sociale al mondo dei donatori AVIS e all’AVIS stessa da parte di un’importante attività sanitaria privata, a conferma che il dono del sangue ha caratteristiche di solidarietà del tutto peculiari –  La collaborazione con i professionisti del Poliambulatorio  potrà avere anche sbocchi in attività scientifiche e per la realizzazione di iniziative a carattere educational scientifico.

Una filosofia, quella di AVIS, che si pone come obiettivo la persona nella sua integrità, con le sue istanze relativamente a condurre una vita sana ed in salute, ma anche con le sue esigenze dettate da ritmi lavorativi e familiari che a volte ne condizionano approccio e fruizione. La stessa filosofia descritta da Emanuele Tragni, AD del Poliambulatorio Città di Collecchio e donatore di sangue da 30 anni – che vede i pazienti prima di tutto considerati come persone alle quali garantire un servizio efficace e funzionale alla salvaguardia della salute -. – Obiettivo della convenzione è quello di rivolgere un’attenzione professionale ad un gruppo così prezioso di persone, quello dei donatori di sangue, attraverso l’accesso a servizi di alta specializzazione a tariffe agevolate, con tempi di attesa ridotti, refertazione immediata e la disponibilità di oltre 50 specialisti per approfondimenti e percorsi di cura personalizzati. – sottolinea il Direttore sanitario, dott. Stefano Folzani.